SALITA SOLITARIA E SILENZIOSA AL MONTE TEZIO.

Riflessioni in libertà.

12 aprile 2015  
Salita solitaria e silenziosa al Monte Tezio.
La brezza fresca ti accarezza e raffredda la tue gocce di caldo sudore che imperlano la tua fronte.
La voce del silenzio è quasi assordante: il fruscio degli alberi sempreverdi, il cinguettio degli uccelli, qualche lucertola che s’insinua fra l’erba e le foglie secche, l’abbaiare lontano di cani e l’eco lontano di una sirena.
Cammini in salita assorto: immagini di amici, ricordi di vecchi amori, l’angoscia timida del tempo che passa.
Una frana che ti sbarra la strada ti distoglie e ti ordina il contatto con la realtà dell’ambiente che incombe. La superi e il mantra dei pensieri sul passato e sul futuro riprende…….
Fra le pietre taglienti della cima due curiose colonie di coccinelle che forse si riparano dal vento diventato freddo…. 
voglio diventare come quelle pietre!

 

Author avatar
Tiziano Scarponi

Posta un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.